Novembre 28, 2022
ANALISI PREVENZIONE

I controlli del Fisco negli stabilimenti balneari

I controlli del Fisco negli stabilimenti balneari hanno caratteristiche molto diverse. Può sembrare banale ma quando si tratta di controlli e sanzioni è bene eliminare ogni dubbio.

Partiamo da un principio: maggiori sono le dimensioni ed il numero dei servizi offerti dallo stabilimento balneare, più articolati saranno i controlli fiscali.

Pensate che il Fisco segua un criterio per lo svolgimento dei propri controlli?

 Assolutamente SI. Ogni attività commerciale ha caratteristiche che impongono controlli specifici e programmati.

Come vengono programmati i controlli del Fisco negli stabilimenti balneari?

Ogni stabilimento balneare gode di una precisa classificazione.  Saranno principalmente le sue caratteristiche e le “presunte” violazioni delle leggi in materia a caratterizzare i controlli e le verifiche da parte degli organi competenti.

E’ abbastanza intuitivo che le strutture più grandi che offrono un ventaglio di servizi molto completo e diversificato, avranno maggiori utili ma anche controlli più estesi e approfonditi.

Un consiglio che mi sento di dare, in particolare a coloro che si apprestano ad intraprendere l’attività di “operatori balneari” è:

  • concentratevi sulla qualità dei servizi più che sulla quantità. Il teorema “più servizi = maggiori guadagni” non è sempre esatto. Prima di capire la tipologia di lavoro in cui vi siete imbattuti, dedicativi ad un numero di servizi che vi permetta di essere professionali e inattaccabili dal punto di vista “controlli”. Per inesperienza si va incontro ad onerose sanzioni capaci azzerare gli utili dell’intera attività imprenditoriale.

Ecco i parametri principali considerati dall’Agenzia Nazionale delle Entrate per la valutazione degli stabilimenti balneari:

  • dimensioni

  • tipologia dei servizi

  • periodo di apertura al pubblico

Avremo stabilimenti balneari:

di piccole dimensioni con una breve durata di apertura al pubblico, in cui vengono somministrati solo i classici servizi di spiaggia:

  • affitto ombrelloni
  • sedie
  • sdraio
  • lettini
  • attrezzatura sportiva a terra

di medie dimensioni la cui durata al pubblico è generalmente medio-lunga. Sarà possibile trovare all’interno:

  • affitto ombrelloni, sedie, sdraio, lettini e attrezzatura sportiva a terra
  • cabine
  • piscina
  • bar
  • ristorante

di grandi dimensioni, aperti al pubblico per un periodo medio-lungo, in cui avremo:

  • affitto ombrelloni, sedie, sdraio, lettini e attrezzatura sportiva a terra
  • bar
  •  ristorante
  • noleggio attrezzature sportive e specifiche per sport acquatici
  • aree attrezzate per bambini
  • parcheggio riservato ai clienti
  • attività commerciali
  • discoteca

Gestire uno stabilimento balneare impone un progetto completo e dettagliato sulle risorse da utilizzare (umane e materiali) ma anche uno studio attento di tutte le leggi che regolano questo tipo di attività.

Servizi scadenti, personale poco qualificato e formato possono rappresentare un campanello d’allarme per attivare i controlli del Fisco negli stabilimenti balneari ma anche da parte di altri enti preposti.

SOLO un’adeguata preparazione in materia permetterà di evitare importanti perdite economiche e, nei casi peggiori, sanzioni derivanti dalla propria responsabilità civile, amministrativa e penale.

 

 

 

 

Articoli correlati

Leave a Comment